Foresta versus Nutella – Livello C2

61

Articolo di Livello C2. Lettura su una delle icone italiane: la Nutella. Amata da tutti i bambini ma criticata da molti. Al centro delle polemiche da un po’ di anni a questa parte. Vi proponiamo un articolo dal Sole24ore, in cui si parla di boicottaggio, di bufale (ma non gli animali… ) e di foreste. Per familiarizzarsi ancora di più con il taglio giornalistico e approfondire il lessico. In evidenza in giallo parole ed espressione chiave.

***

Una frase davanti alla telecamera di Canal+ e Ségolène Royal si candida per la bufala dell’anno. «Non bisogna mangiare Nutella», anzi Nutellà con l’accento sulla a, ha detto ai francesi. L’intervistatore sorride stupefatto: «Ma è buona la Nutellà». Taglia corto la ministra: «Sì, ma non si deve».

Chi s’immagina i luoghi comuni ricorrenti tra i consumatori poco evoluti e poco informati (ingrassa, fa venire i brufoli, chissà con che cosa è fatta, sbaglia. La ministra francese vorrebbe che il mondo rinunciasse alla Nutella perché a suo parere è poco ecologica. Tra i suoi ingredienti c’è anche l’olio di palma e per coltivare le palme da olio – dice Royal – si abbattono alberi. Ancora una volta, non se l’è presa con alimenti dall’impatto ambientale più pesante ma con uno dei simboli più dolci della globalizzazione (dolci in senso non soltanto zuccherino).

Non soltanto è stimolante per gli adolescenti, rassicurante per gli incerti, consolatrice degli infelici. A differenza degli altri simboli del mondo globale, spesso rappresentanti di un’economia aggressiva, la Ferrero è riuscita a conferire alla Nutella e agli altri prodotti la particolarità di essere uno dei rarissimi prodotti che in tutto il mondo sono percepiti come nazionali, non d’importazione.

I francesi percepiscono la Nutella (come gli ovetti Kinder o i cioccolatini Mon Chéri) come un prodotto della tradizione francese, i tedeschi tedesca, gli statunitensi statunitense e così via. Quando nel film «Bianca» (1984) il regista Nanni Moretti dedicò alla Nutella una scena di memorabile dolcezza consolatoria, i francesi esultarono davanti allo schermo: un altro prodotto francese viene valorizzato dai grandi registi italiani. Poi, tra i francesi si diffuse la consapevolezza che non è “Nutellà” francese, ma “Nutella Ferrero”, e cambiarono parere; qualche anno fa la Francia aveva sottoposto la crema al gianduia a un dazio sull’importazione dell’olio di palma.

L’olio di palma per la sua versatilità e per il suo sapore finemente neutrale è il grasso alimentare forse più usato dall’industria. C’è olio di palma in biscotti, sughi, surgelati, gallette, cioccolata, fette biscottate, gelati. Dovunque l’etichetta riporti l’ingrediente “grassi vegetali”, ebbene, quasi sempre è olio di palma, che interferisce pochissimo con l’aroma degli altri ingredienti. È perfino un combustibile di qualità per impianti a basso impatto ambientale, al posto del ben più inquinante petrolio. Le aziende più responsabili che usano olio di palma, e sono molte, fanno certificare da organismi indipendenti la sostenibilità delle colture e dei fornitori.

L’anticampagna pubblicitaria della Ferrero molto discussa.

L’impatto ambientale dell’olio di palma ovviamente c’è, perché ogni atto umano ha un impatto sull’ambiente. Ed è vero che c’è stato un impoverimento del mondo quando si sono abbattuti migliaia di ettari di foresta pluviale in Malesia o in Indonesia per piantare palme da olio.

Ma boicottando la Nutella non si rallentano (rallentare) i consumi di olio di palma né si restituisce foresta pluviale. Se non esistesse la crema al gianduia, la coltura di palme non perderebbe un ettaro e le navi cisterna cariche di olio viaggerebbero sulle stesse identiche rotte. Rinunciare all’olio di palma significa favorire altri grassi e altre colture di pari impatto. Lo strutto ricavato dai maiali macellati, il burro centrifugato dal latte di milioni di vacche, le coltivazioni di girasole o di granturco non hanno un impatto ambientale più basso. Se tutto il mondo smettesse di usare olio di palma in migliaia di prodotti, e se le piantagioni di palma venissero sostituite da colture di arachidi da burro, cotone per tessuti o asparagi, l’ambiente non migliorerebbe (migliorare) di un grammo.

Sul web legioni di cospirologi della complottologia applicata s’inventano notizie sdrucciolose contro l’olio di palma. E Ségolène Royal vi ha preso uno scivolone.


Espressioni chiave:

Taglia corto la ministra: «Sì ma non si deve».
• Chi s’immagina i luoghi comuni ricorrenti tra i consumatori sbaglia
A suo parere è poco ecologica
• Ancora una volta, non se l’è presa con alimenti dall’impatto ambientale più pesante
• I francesi percepiscono la Nutella come francese
• Tra i francesi si diffuse la consapevolezza che non è Nutella francese ma Nutella Ferrero

Parole chiave:

la bufala; l’ambiente; la globalizzazione; l’impianto; la sostenibilità; il consumo; l’impoverimento; rallentare; migliorare; l’impatto ambientale.

Osserva le forme verbali seguenti. Di quale periodo ipotetico si tratta ?

Se non esistesse la crema al gianduia, la coltura di palme non perderebbe un ettaro.
Se tutto il mondo smettesse di usare olio di palma in migliaia di prodotti, l’ambiente non migliorerebbe di un grammo.
Se le piantagioni di palma venissero sostituite da colture di arachidi da burro, cotone per tessuti o asparagi, l’ambiente non migliorerebbe di un grammo.

Inscrivez-vous à notre newsletter

Ne ratez plus nos publications en vous inscrivant à notre bulletin d'informations. Vous n'aimez pas le SPAM nous non plus, nous n'envoyons en moyenne qu'un seul email par mois.

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here