Avverbi di frequenza – Esercizio interattivo – Elementare A1

350

Esercizio interattivo – Avverbi di frequenza – Elementare A1 – Un esercizio facile e divertente per imparare ad usare efficacemente gli avverbi di tempo e frequenza e poter raccontare le abitudini della vita quotidiana. Per migliorare l’efficacia di questo esercizio vi consigliamo la lettura dell’articolo ‘Le abitudini alimentari degli italiani‘.

Je choisis ma formation

***

Avverbi di frequenza e avverbi temporali

Gli avverbi temporali ➔ indicano il momento in cui si svolge un’azione.
Gli avverbi di frequenza ➔ indicano l’intensità di un’azione nel tempo.

  • Gli Avverbi temporali indicano un momento preciso: ‘oggi’ oppure, il giorno prima ‘ieri’ o il giorno dopo ‘domani’.

 

Ieri Oggi Domani
ieri mattina; ieri pomeriggio; ieri sera; ieri notte. stamattina; stasera; stanotte domani mattina (domattina); domani pomeriggio; domani sera; domani notte.
avant’ieri
questa mattina ; questa sera; questa notte; questo pomeriggio. dopodomani
     
PASSATO PRESENTE FUTURO

 

 L’anno scorso; un anno fa; ‘X anni fa’; un mese fa; il mese scorso; una settimana fa; la settimana scorsa; un’ora/due ore fa;

Quest’anno

Questa settimana

Questo mese

L’anno prossimo

Fra un anno / Tra un anno

PRIMA

PRESTO

ORA / ADESSO

DOPO / POI

TARDI

  • Gli avverbi temporali possono anche far riferimento a un momento preciso, senza una misurazione precisa:

ORA / ADESSO: ora chiamo Lucia // sono tornato adesso = sono tornato in questo momento;
PRIMA indica un’azione che si svolge in un tempo precedente: ‘prima sono andato a fare la spesa…’
DOPO / POI collocano l’azione in un momento successivo: ‘prima sono andato a fare la spesa… poi sono andato al bar a prendere un caffé’
PRESTO indica di buon’ora: al mattino presto : ‘Durante la settima mi alzo presto, alle 6 del mattino’.
TARDI esprime un fatto che si compie dopo il momento previsto: ‘arrivo tardi stasera’ – ‘oggi lavoro fino a tardi’ – ‘ la domenica mi alzo tardi’.

I momenti della giornata: mattina, pomeriggio, sera, notte si uniscono ai giorni della settimana: lunedi mattina, martedi pomeriggio, mercoledi sera, giovedi notte;

Gli avverbi di frequenza ➔ indicano l’intensità e il ripetersi di un’azione nel tempo.

FINO A… indica il punto finale di un’azione: ‘Lavoro dalle 8 del mattino fino alle 18’.
QUALCHE VOLTA / A VOLTE indicano che un’azione si ripete a intervalli irregolari, azione occasionale: ‘qualche volta vado al cinema, ma non spesso’.
SPESSO indica un’azione abituale e molto frequente: ‘spesso vado al cinema’.
SOLITAMENTE / DI SOLITO sono sinonimi di SPESSO, ma sono più precisi e indicano un’azione abituale e che si ripete a intervalli regolari: ‘Di solito vado al cinema il sabato pomeriggio’.
SEMPRE indica la continuità di un’azione o del perdurare di un’azione: ‘vengo sempre in questo ristorante’.
NON… MAI indica che l’azione non si verifica: ‘non vado mai al cinema’ .
ANCORA esprime la continuità di un’azione o di uno stato : ‘piove ancora’ // ‘Ho dormito bene, ma sono ancora stanco’.
UNA VOLTA / DUE VOLTE / X VOLTE indica la cadenza di un’azione: ‘Vado in piscina 3 volte alla settimana’.
Sempre accompagnato dalla preposizione A : una volta / due volte… al giorno; alla settimana; al mese; all’anno;


 

  • E ora qualche esercizio:

 

 

Inscrivez-vous à notre newsletter

Ne ratez plus nos publications en vous inscrivant à notre bulletin d'informations. Vous n'aimez pas le SPAM nous non plus, nous n'envoyons en moyenne qu'un seul email par mois.